X

Liquid Crystal Polimers (LCP)

STRUTTURA
I Poliarilati sono termoplastici con struttura amorfa a semicristallina, secondo i tipi. I tipi cristallini prodotti vengono definiti “autorinforzati”, con catene laterali LPC.
LPC = Liquid Polimers Cristalline.

I segmenti cristallini presenti ne materiale sono macromolecole rigide, a forma di “bastoncini”, agganciate lateralmente alla catena principale. In fase fusa queste “galleggiano” consentendo una buona trasformazione.
Durante la trasformazione queste catene subiscono pertanto un forte orientamento, in modo e con effetti decisamente superiori ai normali rinforzi.

PRINCIAPALI TIPI
LCP –PET
LCP – PAR

CARICHE, RINFORZI E ADDITIVI
Fibre vetro, carbonio, cariche minerali, resine fluorurate.

COLORE
Trasparente anche ad alte temperature e colorabile in tutte le tonalità (anche se non sempre consigliabile.

CARATTERISTICHE
Le caratteristiche meccaniche sono molto elevate nei tipi LPC, in forte dipendenza con la direzione della sollecitazione rispetto all’ orientamento dei cristalli.
Alta stabilità dimensionale anche in rapporto alla temperatura.

Elevata resistenza chimica e agli agenti atmosferici.
Eccellenti caratteristiche elettriche di isolamento.
I tipi amorfi hanno prestazioni inferiori, nel complesso paragonabili al PC anche per trasparenza.
Difficilmente infiammabili.
Gli LCP hanno in coefficiente di dilatazione lineare inferiore a quello dell’ acciaio.

APPLICAZIONI
Stampaggio connettori, interruttori, supporti per lampade e led, bobine, pirofile per forni a microonde.
Componenti elettronici ed aeronautici, elementi costruttivi fortemente sollecitati dal lato meccanico, termico ed elettrico per costruzioni automobilistiche, aeree, aerospaziali. Industria elettrica ed industria ottica.