X

Elastomeri termoplastici stampabili ad iniezione

Con questo articolo  cerchiamo di fare un po’ di luce sul mondo delle gomme per capire i confini tra quellle classiche vulcanizzate e le varie famiglie di elastomeri termoplastici stampabili ad iniezione. Innanzitutto occorre chiarire che lavulcanizzazione è un processo che comporta una reticolazione irreversibile nelle catene polimeriche della gomma (NBR – EPDM – FKM (Viton)) e richiede processi (cottura) con cicli di una certa durata e fasi di finitura. Alcune prestazioni come la resistenza chimica e termica  degli FKM per esempio non sono però mediamente raggiungibili da altre gomme. Vedi Famiglia dei Polimeri . La gamma degli elastomeri termoplastici stampabili ad iniezione è sempre piu’ ampia e grazie all’ingegneria macromolecolare questa invade un’area di applicazione vasta anche rispetto alle gomme vulcanizzate. Per eventuali approfondimenti alleghiamo un significativo Estratto Treccani . Per una semplice panoramica esplicativa abbiamo preparato la seguente presentazione: Con la sigla TPE ( Termo Plastic Elastomers ) si indica l’insieme piu’ grande delle gomme termoplastiche. Al suo interno distinguiamo diverse famiglie che prendono il nome dalle matrici prevalenti. SBS ( Copolimero a blocchi Stirene-Butadiene-Stirene ) Ottenuto miscelando una fase elastomerica costituita da gomma SBS ed una fase plastica di natura poliolefinica o stirenica Alcuni marchi: Softprene T,  Raplan,

TPE-SSBS Ottima color abilità ed elasticità, ottima estetica e qualità tattili. Adatto al sovra stampaggio. Facile trasformazione e completa riciclabilità. Durezze da 30 ShA a 45 ShDImpieghi – 40°C + 60°C Sensibile all’azione del calorek, dei raggi UV e dell’ozono.

 


SEBS ( Copolimero a blocchi Stirene-Etilene -Butadiene-Stirene ) La fase elastica è costituita da SEBS e la fase plastica è di natura Poliolefinica. Alcuni archi:, Megol, Laprene, Chemiton, Thermolast K

TPE-SSEBSTPE-S-V > Ottima elasticità sia a freddo che a caldo, resistenza agli UV e invecchiamento. Soft touchCostampaggio Ampissima gamma durezze Elevato grado isolamento termico > Termolast K Durezze da 5 ShA a 55 ShDTemp.Eserc. -40°c+100°c punte 120°c Buona Resist. Chimica

 


TPO Elastomeri termoplastici  costituiti da compound eterofasici basati su una fase elastomerica amorfa, solitamente di natura pololefinica, e da una fase cristallina, sempre di natura poliolefinica. Alcuni marchi: Forflex Apigo, Vistamax

TPE-O(TPO) Buona resistenza agli agenti atmosferici,  ottime proprietà di isolamento elettrico,- basso peso specifico a partire da 0,89 kg/dm3 Ottimo comportamento elastico alle basse temperature, ottima color abilità Durezze da 30 ShA a 65 ShDSofficità ed elevata resilienza nella gamma .

 


TPV (Elastomero Termoplastico Vulcanizzato) Generalmente in una matrice  termoplastica poliolefinica (PP) è finemente dispersa una fase elastomerica vulcanizzata in modo dinamico (EPDM Alcuni marchi: Santoprene, Forprene, Sarlink, Geolast, Vyram, Alcryn

TPE- V(TPV) Elevata elasticità, buona resistenza all’invecchiamento, elevato isolamento elettrico e termico, eccellente resistenza alla fatica e buona alla lacerazione. Temp.Eserc. -50°c+125°cBuona Resist. Chimica Completamente riciclabile

 


TPU (Poliuretano termoplastico modificato con elastomeri) Alcuni Marchi: Elastollan, Sofpur,

TPE-U(TPU) Elevata resistenza all’abrasioneElevato ritorno elastico a basse temperature. Elevata estetica e facile processabilità Ottima resistenza agli oli, ai grassi, ai carburanti, ai microbi e ai raggi UV Durezze da 60 ShA a 90 ShABasso peso specifico

 


TPE-E (Copoliestere elastomerico) La struttura chimica costituita da segmenti rigidi di tipo poliestere alternati a segmenti flessibili di tipo polietere. A seconda del volume relativo delle due fasi, questi copolimeri presentano prestazioni in un ampio intervallo che và da quello degli elastomeri a quello dei elastomeri veri e propri. Alcuni marchi: Hytrel, Pibiflex, Elastollan,

TPE-E(CPEE) È fortemente resistente allo strappo, allo strisciamento e l’abrasione. La sua composizione lo rende stabile al calore, resistente agli UV,ottimo all’idrolisi, e gli stabilizzanti termici ritardano la combustione alla fiamma. Durezze da 30 ShD a 70 ShDTemp.Eserc. -50°c+150°c Allung. A rottura > 600%

 


TPE-A ( Copolietere a blocchi ) Appartenente alla famiglia dei polimeri da ingegneria. La composizione chimica unica (amide blocco polietere – PEBA) consente di ottenere una vasta gamma di proprietà fisiche e meccaniche variando i blocchi monometrici  e i rapporti.

TPE-A(COPE) Grande flessibilità e resilienza. Ottime caratteristiche dinamiche dovute a bassa isteresi (flessione alternative)Eccellenti proprietà a bassa temperatura (resistenza agli urti, rigification basso); Temp. Impiego -40 + 80°cDurezze da 70 ShA a 70 ShD Modulo poco variabile al variare delle temperature Allung. A rottura > 700%

 


Super TPE Si tratta dei piu’ recenti prodotti nati per colmare in modo quasi definitivo il gap con le piu’ classiche gomme vulcanizzate in termini di resistenza alla temperatura e chimica. Ogni azienda custodisce gelosamente i propri brevetti e ricette. Hipex Kraiburg, ETPV Du Pont

Super TPEETPV etc.. Elevate prestazioni in alternativa diretta alle gomme vulcanizzate anche nelle caratteristiche di solito svantaggiose con diversi punti a vantaggio in termini di processabilià Temp. Impiego -40 + 160°cElevata resistenza chimica

 


TPE Bio Prodotto speciale biodegradabile in condizioni di compostaggio controllate secondo UNI EN 14042: 2003 e ISO 14855:1999 Alcuni Marchi: Apinat, Biomaxx , Mater Bi,  PebaxR

TPE-Bio Bioplastica con elevata morbidezza, facilità di trasformazione e adesione su bioplastiche rigide Durezze da 55 ShA a 60 ShD

Conclusioni:  Le  gamme dei prodotti di queste famiglie sono davvero vastissime come pure i profili di proprietà. Per le singole schede tecniche consigliamo la semplice ricerca via internet digitando direttamente il nome dei marchi citati in quanto direttamente disponibili. Per ogni interesse vi invitiamo a contattarci . Sarà nostra cura trovare il prodotto piu’ idoneo alle vs. specifiche applicazioni